Crea sito
 

rosaturca | Sigillature - album di rosaturca

 cliccare sulle immagini per aprire l'album

 

   Lo scritto del mare III

San Cataldo di Lecce. marzo 2016

 cliccare sulle immagini per aprire l'album

 

 « Un dire che sta adeso alla cosa che dice… »

         rosaturca

bologna. Febbraio 2014

 

 

 

"Sigillature" e tutte le immagini pubblicate negli album sono creazioni originali di rosaturca

 

 

 

 

 


   cliccare sulle immagini per aprire l'album

   cliccare sulle immagini per aprire l'album

   cliccare QUI per Leggere i fondi

 

 

 

   #giornopergiorno

Ci sono “testi” che non si accontentano di essere letti e interpretati. Intagli quotidiani nel vascello del tempo, matrici di quella lingua senza confini che produce in noi una conversione del vedere, del sentire, del pensare. 

     rosaturca

bologna. Maggio 2015

 

   cliccare sulle immagini per aprire l'album  

 

 

  Poco lontano 

Poco lontano dai centri abitati superate anche le ultime periferie percorrendo strade che oggi non portano a niente, più lontano verso i dominii della luce sotto un cielo che sembra non finire mai, la terra abbandonata fiorisce da se stessa di mandorli, di bianche velature sui limitari di rovi. Fra i banchi mossi di roccia la terra, dissodata una volta tanto tempo fa ora ritorna selvaggia d’incolti. Sparse pietre d’inutili confini sono adesso disertate clausure e i cippi solitari di memorie perdute che assordano d’echi.

rosaturca

Terra d’Otranto. Febbraio – marzo 2015

   cliccare sulle immagini per aprire l'album

  

 

                         "Lo haikai è un'erba selvatica
                           lungo la strada della vita"

                                Matsuo Basho

    

  Segnature di viaggio

Le sei di sera, attraversiamo l’Abruzzo. Siamo a metà del viaggio. Nel cielo scivola lentamente l’oscurità e le dorsali degli Appennini e le valli si accendono delle luci dei fanali. Incomincia adesso il tempo più rischioso alla guida dell’auto, quello dell’ipnosi del buio.

       rosaturca

Autostrada Adriatica. Febbraio 2015


 

 

   cliccare sulle immagini per aprire l'album

 

 

Venerazione del mistero della Croce

[…]

S’apre a ogni sguardo
Nelle grotte che fa la pietra
Nelle profondità del
Tempo in cui
Le mani scivolano
Come per disertati sacelli
Sotto l’azzurro del cielo.

      rosaturca

      bologna. Settembre 2014

 

 

 

 

   cliccare sulle immagini per aprire l'album

   cliccare QUI per Ifigenia e lo scritto ... 

 

 

 

Lo scritto del mare

[...]

Alcune spiagge abbandonate dell’Adriatico e i moti di risacca che fa il mare. Seguivo a piedi. Fermavo alcune fotografie, non sapevo perché. Lo sguardo attraverso la macchina fotografica mi isolava. Guardavo, non vedevo niente. Non guardavo più. Dopo un poco che si guarda, succede sempre dopo un poco, diventa come leggere lo scritto d’acque di sabbie di catrame.

      rosaturca

bologna
agosto – settembre 2014

 

 

 

 


 

   cliccare sulle immagini per aprire l'album 

 

 

Il ritorno di Ifigenia

Sbendata la fronte,
Sopra di lei è nuovamente il cielo azzurro di smalto.
Sola
Sopra l’altare. Abbandonata.
Tutto intorno la terra di pietra
Di fiori bianchi, riarsa e incolta.

Nell’aria chiara sembra disciolto al sole
Forse il sogno di schiere di guerrieri in armi
Che cingevano della sua vita il corso.
Del loro ferro di morte
Risuona l’eco in questo vuoto sereno nei versi di cicale.

rosaturca

     Terra d’Otranto
     luglio – settembre 2013

 

 

   cliccare sulle immagini per aprire l'album 

   cliccare QUI per Finibus Terrae

 

 

Verso Nostra Signora De Finibus Terrae

[…] Quello che non potevo immaginare prima di partire, erano i cambiamenti che durante il viaggio si sarebbero avverati e con quali nuove prospettive per la mia vita avrei fatto ritorno.

rosaturca

Terra d’Otranto (LE). Estate 2012 - Primavera 2015  

 

 


 

 

 

 

   cliccare sulle immagini per aprire l'album 

 

[...]

E in quelle il muoversi
Animale
Di anime ancora senza identità:
Fra scorrere e apparire,
Fra permanenza e inanità.

      rosaturca

bologna. Maggio 2013

 

   cliccare sulle immagini per aprire l'album 

 

“Fonte dell’acqua è il mare, fonte del vento:
ché né potrebbesi entro le nubi <generar possa di vento
che via soffi> da dentro, senza il grande ponto*,
né correnti di fiumi né piovana acqua dell’e<tra**>,
ma è il grande ponto generator di nubi e venti
e fiumi.”

      Senofane di Colofone 

Frammento 30 secondo la raccolta H. Diels – W. Kranz, VI edizione. A cura di Alessandro Lami.

 

* Ponto, per gli antichi Greci era l'attuale Mar Nero.

** Etra (in greco "cielo sereno"), forse riferito al nome della moglie dello spartano Falanto, il cui pianto ininterrotto per la morte del marito generò la fondazione della città di Taranto.